La fotografia artistica di Sandro Leonelli, Milco Tonin e Claudio Gennai

La fotografia artistica, un’altra forma d’arte che ospitiamo su questo sito:  la fotografia artistica qui come forma di rappresentazione di paesaggi costieri, marini e subacquei che ci viene offerta dagli amici artisti del mare Sandro Leonelli, Milco Tonin e Claudio Gennai.

Promontorio di Populonia foto
Foto di tramonto sul mare di Populonia

 

Ormai tutti sappiamo che la fotografia ha assunto una dignità pari alla pittura ed alla scultura come forma d’arte senza che molti di noi, in realtà, si rendano effettivamente conto che non si tratta di normale tecnica fotografica ormai ampiamente collaudata ma, benchè l’utilizzo preveda un mezzo altamente tecnologico come una fotocamera, in questo caso essa diventa un tutt’uno col fotografo che la utilizza il quale, negli scatti, esprimerà ciò che prova e come interpreta il mondo che lo circonda, al pari del pittore col pennello e la tela e dello scultore con i suoi strumenti.  Questa è la fotografia artistica. Se a questa aggiungiamo un innato amore per il mare in tutte le sue manifestazioni e l’utilizzo di speciali tecniche subacquee, ci possiamo trovare davanti alla fotografia artistica subacquea

Foto di fondale marino
Foto intitolata “Fondale”

Esponenti molto conosciuti di questa speciale branca della fotografia artistica sono Sandro Leonelli, Milco Tonin e Claudio Gennai, veri e propri artisti dell’immagine.

Sono amici da sempre ed accomunati dalla passione per la fotografia e l’amore per il mare ed il “loro ambiente”: Piombino, il suo canale che la divide con l’isola d’Elba, le scogliere, i fondali e gli stupendi paesaggi.

Paesaggi che i nostri tre cercano di cogliere nei loro aspetti più intimi e poco conosciuti, ma soprattutto a pelo d’acqua, tra cielo e mare, sopra e sotto l’acqua, quasi a dire che non esiste soluzione di continuità tra i due elementi, che facciamo parte di un tutt’uno.

Foto di surf scattata a mezz'acqua
Bella foto scattata a pelo d’acqua dal titolo “Surf a mezz’acqua”

Da questa loro passione sono nate opere affatto passate inosservate e , anzi, favorevolmente accolte da certa critica e stampa specializzata.

Qualcuno ha detto di loro……

“per oltre trent’anni hanno viaggiato su quella linea di confine che delimita l’aria e l’acqua, con la possibilità di conoscere uno straordinario territorio come quello del canale di Piombino, il nostro territorio, a volte osando cercare delle inquadrature inconsuete e difficili da interpretare. Ognuno con delle caratteristiche e tecniche fotografiche diverse hanno creato un puzzle di immagini nelle quali tutto diventa un racconto…………il racconto dei loro viaggi nel Mare e sul Mare”.

E ancora……

“Le loro immagini a pelo d’acqua, o meglio, a pelo d’anima, prese nel loro insieme… esprimono una poetica che privilegia l’amore dell’uomo per l’uomo e raccontano, anche per assenza, l’iconografia della sofferenza (il sangue dei migranti nel Mediterraneo) e la visione utopica di un mondo più giusto e più umano”.

Bene….. siamo di fronte a tutto ciò.   Ho chiesto ai tre amici delle loro foto da postare sul sito e, venuti a conoscenza del mio progetto, hanno subito risposto entusiasticamente con l’invio delle foto che qui vi posto.

Ma non è finita qui…….. perchè i frutti della loro arte sono innumerevoli ed è un peccato non mostrarli al pubblico….perchè è un peccato non mostrarveli….perchè ne vale la pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *